Aliquam lorem ante, dapibus in, viverra quis, feugiat a, tellus. Phasellus viverra nulla ut metus varius laoreet. Quisque rutrum. Aenean imperdiet.

Latest News

Share this
ICIMGROUPnews Una nuova responsabilità sociale europea con la UNI EN ISO 26000

Una nuova responsabilità sociale europea con la UNI EN ISO 26000

È nata la “Guida alla responsabilità sociale” UNI EC ISO 26000:2020. Recepito dal CEN-Comitato Europeo di Normazione su iniziativa di UNI-Ente Italiano di Normazione (grazie alla commissione Responsabilità sociale delle organizzazioni), il documento è l’unico riferimento in Europa in tema di responsabilità sociale adottato dai 34 Paesi membri del CEN.

Obiettivo della UNI EN ISO 26000 è quello di aiutare imprese e organizzazioni a contribuire allo sviluppo sostenibile promuovendo una comprensione comune nel campo della responsabilità sociale, anche attraverso l’adozione di nuove attività, procedure e iniziative dedicate.

La nuova norma intercetta tutti gli SDGs (Sustainable Development Goals, ovvero i 17 obiettivi per il 2030 concordati dagli Stati membri delle Nazioni Unite nell’ambito dell’Agenda Globale per lo Sviluppo Sostenibile) ed è uno strumento utile per conseguire gli obiettivi di sostenibilità ONU: il rispetto dei diritti umani, la responsabilità di rendere conto, la trasparenza e il comportamento etico, il rispetto degli interessi degli stakeholder, il rispetto del principio di legalità e delle norme internazionali di comportamento.

La rilevanza a livello europeo della ISO 26000 è data dalla citazione della stessa norma nella Strategia Europea per la Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. La norma è stata così inserita nell’elenco degli strumenti utili a supporto delle organizzazioni di grandi dimensioni per adempiere agli obblighi di cui alla Direttiva 2014/95/EU, in merito alle comunicazioni di informazioni di carattere non finanziario.

Per la prima volta, la normazione tecnica ha un approccio basato su princìpi e valori: imprese e organizzazioni sono chiamate dunque a riflettere secondo un’ottica diversa, basata non solo sul profitto, ma sulla valutazione degli impatti a medio e lungo termine delle attività svolte, tenendo in considerazione il punto di vista di tutte le parti interessate, incluse le generazioni future.

20 gennaio 2021