Aliquam lorem ante, dapibus in, viverra quis, feugiat a, tellus. Phasellus viverra nulla ut metus varius laoreet. Quisque rutrum. Aenean imperdiet.

Latest News

Share this
ICIMGROUPnews Come sarà il lavoro nel 2030: indagine sulle future competenze professionali

Come sarà il lavoro nel 2030: indagine sulle future competenze professionali

Nei prossimi 10 anni le competenze trasversali e interpersonali assumeranno un ruolo più importante rispetto alle competenze tecniche. L’80% delle professioni presenti in Italia è destinata a modificare il suo peso quantitativo, con un trend di crescita per quelle legate alla tecnologia, alla cultura, all’informazione e ai servizi di cura della persona.
Sono questi alcuni degli elementi che contribuiscono a disegnare lo scenario che emerge dallo studio predittivo “Professioni 2030: il futuro delle competenze in Italia” realizzato da ManpowerGroup, Ernst & Young (EY) e Pearson. Analisi che mette in luce informazioni importanti sui profili e le competenze che saranno necessarie nel prossimo decennio per supportare gli attori pubblici e privati nella definizione degli investimenti in materia di formazione, lavoro ed educazione.
Per la realizzazione del modello predittivo le 3 aziende sono partite da un’analisi dei driver di cambiamento del mercato del lavoro e da dati ricevuti dagli attori interessati, che sono stati la base per programmare algoritmi che, sfruttando il Machine Learning, hanno cercato di delineare i cambiamenti del mercato del lavoro in Italia dei prossimi 10 anni.
OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ha stimato una perdita di posti di lavoro compresa tra 1,2 e 1,4 milioni a causa della pandemia: una situazione che rischia di aumentare le disuguaglianze tra la popolazione e che vede nei giovani e nelle donne i soggetti più colpiti e più a rischio nel futuro. E, proprio i giovani, risultano essere inconsapevoli delle competenze che occorreranno per inserirsi sul mercato del lavoro affermando che solo le abilità tecniche avranno un ruolo primario nelle occupazioni future e dimostrando, quindi, di non sapere che tra le 5 competenze fondamentali richieste non compare nemmeno una competenza tecnica. Al contrario si richiede apprendimento attivo, capacità di comprendere gli altri, capacità di problem solving, ascolto attivo, capacità di adattamento oltre a competenze di tipo ibrido come conoscenze in psicologia, informatica, gestione di impresa, capacità di valutazione sistemica, ideazione e originalità, capacità di persuasione e adattabilità. In sostanza assisteremo a un cambiamento del concetto di formazione, per alcuni versi già in atto, che evolve a un concetto di formazione continua inteso come costante aggiornamento delle competenze necessarie per rimanere rilevanti nel mercato del lavoro.
A livello nazionale le previsioni mostrano che l’80% delle professioni muterà quantitativamente nel prossimo decennio. Secondo il modello, più di un terzo della forza lavoro attuale svolge professioni che cresceranno nei prossimi 10 anni (circa il 36%), mentre tutte le altre rimarranno stabili (20%) o decresceranno (44%).
Delle professioni in crescita, il 57% è riconducibile alla tecnologia, seguite dal settore terziario dei servizi alle imprese e alle persone e riguarderanno maggiormente: servizi informatici e delle telecomunicazioni; servizi culturali, sportivi; servizi operativi di supporto a imprese o persone; public utilities (gas, energia, acqua, ambiente); servizi dei media e della comunicazione.
Al contrario, i trend più negativi si concentrano nei settori dell’industria e dell’agricoltura e riguarderanno, nello specifico: industrie della carta, cartotecnica e stampa; industrie tessili, dell’abbigliamento e delle calzature; agricoltura, caccia e pesca; estrazione di minerali; industrie chimiche, farmaceutiche e petrolifere.
Inoltre, secondo le previsioni della ricerca, circa il 50% delle professioni subirà un’evoluzione nel prossimo decennio e saranno il risultato di processi di scissione, fusione e ibridazione di competenze.

ICIM SPA è leader nella certificazione di figure professionali e propone un’offerta formativa per aziende e professionisti attraverso la “Fabbrica della Conoscenza”, con corsi a catalogo, basata sull’esperienza acquisita in oltre 30 anni di attività.

[Fonte INNOVATIONPOST.IT]
16 marzo 2021