Aliquam lorem ante, dapibus in, viverra quis, feugiat a, tellus. Phasellus viverra nulla ut metus varius laoreet. Quisque rutrum. Aenean imperdiet.

Latest News

Share this
ICIMGROUPnews 22 Marzo: giornata mondiale dell’acqua

22 Marzo: giornata mondiale dell’acqua

Si celebra oggi 22 marzo la Giornata Mondiale dell’Acqua. La domanda di acqua cresce in maniera costante, con l’agricoltura che da sola è responsabile del 70% del suo consumo globale e del 92% dell’impronta idrica complessiva, indicatore che rappresenta le risorse idriche utilizzate, in maniera diretta e indiretta, per produrre i beni e i servizi consumati da una nazione. In Italia l’impronta idrica è pari a 6.300 litri per persona, superiore del 30% rispetto alla Francia, ma inferiore del 6% sulla Spagna e del 20% rispetto agli Stati Uniti. A livello globale ci sono 3,2 miliardi di persone di persone colpite dalla scarsità d’acqua, 1,2 miliardi in maniera estrema. È una risorsa sempre più scarsa e preziosa, basti pensare che il 97,5% dell’acqua del nostro pianeta è salata e della parte rimanente i 2/3 sono ghiaccio. Ne rimane una percentuale molto bassa nei fiumi, nei laghi, nelle falde acquifere e nell’atmosfera.
L’acqua può diventare un elemento centrale del Green New Deal ma è necessario che migliori il livello di efficienza nel Mezzogiorno e che aumentino gli investimenti in tutto il Paese, mettendo in atto un grande piano per la gestione della risorsa idrica .
Nell’intervista rilasciata a INFOBUILDENERGIA, Fabrizio Leoni, Presidente di AQUA ITALIA, associazione federata ANIMA CONFINDUSTRIA sottolinea “L’assetto legislativo italiano è completo, fin da quanto disposto nel Decreto legislativo 31 del 2001 che recepiva la precedente direttiva 98/83/CE e il Decreto 6 aprile 2004, n. 174 per i materiali a contatto con l’acqua. Entrambi i disposti fissano regole ben precise per permettere di avere, al rubinetto, un’acqua potabile che soddisfi elevati standard di qualità”.

ICIM GROUP, la holding il cui socio di maggioranza è ANIMA, è attenta alle logiche di tutela della salute umana per quello che riguarda i materiali che entrano a contatto con l’acqua potabile. Le società del gruppo offrono al mercato del comparto attività finalizzate al rispetto delle prescrizioni della Direttiva (UE) 2020/2184 concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano.
Supporto tecnico e formazione con TIFQ, verifica sperimentale dei sistemi di trattamento dell’acqua potabile e valutazione dei requisiti di prestazione, di sicurezza e di prova delle attrezzature per il condizionamento dell’acqua all’interno degli edifici con TIFQlab, certificazione con ICIM SpA grazie allo schema proprietario che si rivolge a tutti i produttori di tubazioni, pompe, valvole, serbatoi di contenimento e riscaldamento dell’acqua e anche ai costruttori di impianti e componenti per il trattamento delle acque, rubinetterie, componentistica varia. Un percorso di certificazione che, grazie alle verifiche di conformità condotte da un ente di terza parte, offre alle aziende la possibilità di dimostrare al mercato la corretta rispondenza ai requisiti legislativi dei propri processi produttivi e dei materiali utilizzati.

[Fonte INFOBUILD ENERGIA]

22 marzo 2021