Aliquam lorem ante, dapibus in, viverra quis, feugiat a, tellus. Phasellus viverra nulla ut metus varius laoreet. Quisque rutrum. Aenean imperdiet.

Latest News

Share this
ICIMGROUPnews Indagine Aqua Italia (ANIMA Confindustria): l’82% degli italiani beve acqua del rubinetto

Indagine Aqua Italia (ANIMA Confindustria): l’82% degli italiani beve acqua del rubinetto

Il quadro socioeconomico attuale e la pandemia hanno modificato le abitudini e i consumi degli italiani: negli ultimi 12 mesi l’82,7% della popolazione ha bevuto acqua del rubinetto (trattata e non), con un tasso di crescita sul 2020 di oltre il 5%.
Circa la metà della popolazione maggiorenne (47,3%) dichiara di bere sempre o quasi sempre l’acqua potabile del rubinetto in casa e/o fuori casa e si è evidenziato che nel corso del 2020 sono aumentati in modo significativo (+6,5%) i consumatori occasionali (35,4%).
Sono i primi dati che emergono dall’annuale indagine condotta da Open Media Research per Aqua Italia – l’associazione federata Anima Confindustria che rappresenta le aziende di impianti, componenti, prodotti chimici e accessori per il trattamento delle acque primarie – con l’obiettivo di conoscere l’evoluzione di comportamenti e atteggiamenti della popolazione italiana nei confronti dell’acqua potabile.
In linea generale l’acqua degli acquedotti è ritenuta sicura, non inquina (perché non ha bisogno di bottiglie di plastica e dei processi di lavorazione) e il consumo da parte degli italiani è stato riscoperto proprio durante la pandemia: il 13% ha dichiarato, infatti, di avere iniziato a berla più spesso.
Si conferma più gradita tra i residenti al Nord (la bevono sempre/quasi sempre nel 49,4% dei casi nel Nord Ovest e nel 57,1% nel Nord Est), mentre si rileva una minore incidenza tra coloro che vivono nel Sud+Sicilia (40,9%), dove risulta più alta della media la percentuale di coloro che bevono acqua del rubinetto più raramente o mai (29,5% verso una media nazionale del 25,2%).

I motivi principali per i quali gli intervistati hanno dichiarato di bere l’acqua del rubinetto (trattata o non trattata) riguardano “l’attenzione per l’ambiente” (27%), cioè evitare di trasportare e smaltire bottiglie di plastica, dato significativamente più rilevante rispetto agli anni precedenti (era il 12,3% nel 2018). Poi c’è la “comodità nel disporne” (25,1%), la consapevolezza che “l’acquedotto comunale fa maggiori controlli sull’acqua rispetto ai produttori dell’acqua in bottiglia” (23,4%), il “minor costo rispetto all’acqua in bottiglia” (21,3%) e infine “la bevo perché è buona” (20,2%).

Altri due aspetti interessanti sono emersi della ricerca: 32,6% delle famiglie italiane ha adottato un sistema di affinaggio dell’acqua (tra caraffe filtranti, sistemi per l’eliminazione del cloro/altre sostanze o per la refrigerazione e gasatura dell’acqua); mentre, per l’approvvigionamento dell’acqua da bere fuori casa, il 62,6% opta per l’acquisto di acqua in bottiglia (45,6% da bar/negozi e 17% da distributori automatici a pagamento) e il 48,9% porta l’acqua da casa.

Con riferimento ai chioschi/casette di distribuzione di acqua potabile messe a disposizione dai comuni, il 76,1% degli intervistati ha dichiarato di conoscere questo servizio e il 23,5% di farne uso confermando che si tratta di un’abitudine in crescita (nel 2020 erano il 22,8%).

In merito infine alla preoccupazione nei confronti della presenza di potenziali sostanze contaminanti, come ad esempio farmaci e sostanze chimiche, che non sono state ancora normate dalla legge italiana, il 24,7% si è dichiarato estremamente preoccupato e il 65,4% abbastanza preoccupato. Tra coloro che hanno già un’abitudine al consumo dell’acqua potabile del rubinetto, si riscontra una preoccupazione più bassa della media della popolazione (11,9% vs. 24,7%).

Garantire la salubrità dell’acqua è un aspetto fondamentare per tutti i fabbricanti di prodotti e componenti che entrano a contatto con acqua destinata al consumo umano, ovvero produttori di tubazioni, pompe, valvole, serbatoi di contenimento e riscaldamento dell’acqua come anche ai costruttori di impianti e componenti per il trattamento delle acque, rubinetterie, componentistica varia, ecc.

ICIM GROUP mette a disposizione di queste aziende una proposta articolata di servizi, forniti da tre diverse società del gruppo, che comprende supporto tecnico, prove e certificazione.

TIFQ offre assistenza specialistica per tutte le attività finalizzate all’adeguamento al DM 174/2004 sui prodotti e componenti a contatto con acqua potabile.

TIFQlab, invece, esegue test di conformità compositiva dei materiali a contatto con acqua potabile e prove di migrazione globale e specifica, oltre che le verifiche sperimentali dei sistemi di trattamento dell’acqua potabile ai sensi del Decreto 7 febbraio 2012, n. 25 – Disposizioni tecniche concernenti apparecchiature finalizzate al trattamento dell’acqua destinata al consumo umano, a garanzia del consumatore finale.

ICIM SpA, infine, mette a disposizione delle imprese del comparto il suo schema di certificazione volontaria – unico in Italia riconosciuto da Accredia – che è stato da poco rinominato in “Certificazione di prodotti e componenti utilizzati a contatto con acqua destinata al consumo umano (acqua potabile) sulla base di riferimento delle indicazioni del DM 174/2004”, includendo l’esplicito riferimento alla normativa cogente nel settore dell’acqua potabile. La certificazione volontaria secondo lo schema proprietario di ICIM è in grado di attestare (attraverso le verifiche di conformità) la corretta rispondenza ai requisiti legislativi dei processi produttivi e dei materiali utilizzati dai fabbricanti, per evitare rischi da cessioni fuori norma a garanzia di qualità e salubrità.

[Fonte ANIMA.IT]
22 luglio 2021